CHEFS FOR LIFEla cordata solidale dalla parte dei più fragili

Con l’evento di Roma si chiude una stagione 2023 di grandi emozioni per Chefs for Life, la cordata solidale di Chef ideata da Diego Toscani e Ljubica Komlenic. La serata al Palazzo delle Esposizioni è stata l’occasione per esprimere l’importanza di una società inclusiva, con parte del ricavato destinato al Teatro Patologico di Dario d’Ambrosi. Un teatro che da 40 anni porta la cura della bellezza a ragazzi e ragazze con disabilità fisica e psichica, permettendo loro di esprimere il loro talento in spettacoli di fama mondiale.

“Tutti insieme siamo più forti della bomba atomica, perché noi non ammazziamo la gente, ma riusciamo a farle cambiare le idee!” dice al microfono Daniele, uno dei giovani attori del Teatro Patologico. Scattano gli applausi e la commozione. 

In pochi si dimenticheranno di “Un teatro tra le stelle”, la serata evento di Chefs for Life che si è svolta il 16 novembre a Roma. Chef inclusi, tra cui lo stellato Giancarlo Morelli, che salutando gli ospiti ha espresso il piacere, ma soprattutto l’urgenza sua e dei suoi colleghi di mettersi a disposizione di realtà come quella del Teatro Patologico, perché “Fare del bene attraverso la nostra cucina, soprattutto in momenti così difficili, è fondamentale.”

E quanto importante sia il loro aiuto, il loro mettersi a disposizione dei più fragili, donando il loro talento culinario e il loro lavoro in cucina per sostenere realtà solidali, ce lo dicono le parole di Dario, Direttore del Teatro Patologico, che accompagnato da alcuni dei suoi straordinari ragazzi ha voluto dare una panoramica della portata di questo aiuto, perché “quello che accende il nostro teatro non fa del bene solo ai ragazzi e alle loro famiglie, ma fa bene a migliaia di persone, dal palazzo in cui i ragazzi vivono a tutto il quartiere. Sostenerci significa aiutare una comunità intera. In Italia siamo stati i primi a chiudere i manicomi con la legge Basaglia, i primi a realizzare un corso universitario interamente rivolto a persone con disabilità. Questi ragazzi sono speciali, sono bellezza, non vanno abbandonati!”. 

Ma torniamo un attimo alla serata e all’alta cucina protagonista di una sfilata di piatti da capogiro, realizzati da Chef e Pastry Chef tra i migliori del nostro paese, accompagnati per l’occasioni da stelle internazionali. Questo il cast stellare che ha messo mani e cuore a disposizione per questa serata: Zahie Téllez, Ljubica Komlenic, Giuseppe di Iorio, Andrea Pasqualucci, Sebastiano Fitarau, Massimo Fezzardi, Marko Radosavljevic, Peppe Aversa, Dalibor Kimcetic, Giuliana Germiniasi, Giuseppe Lamanna, Milos Savic, Fabio Mazzolini, Djordje Klipic, Alberto Bertani, Alberto Quadrio, Fabio Potenzano, Debora Vena, Fabio Mancuso, Nicola Rozzoni, Davide Malizia. Al loro fianco, a garanzia di un servizio impeccabile, gli allievi e le allieve di ALMA, Scuola di Cucina Italiana, vera e propria eccellenza italiana, compagni di squadra di tutta la stagione.

Ad accogliere gli ospiti, in puro stile Chefs for Life, un aperitivo in più postazioni che ha fatto esplorare agli ospiti sapori serbi e ha fatto loro ritrovare alcuni classici della cucina romana rivisitati, in un mix travolgente di gusti e spunti. A seguire la cena placée, che ha visto tra i suoi protagonisti, che ad uno ad uno hanno presentato i propri piatti introdotti dalla padrona di casa Ljubica Komleninc, una raggiante Zahie Téllez, severissima giudice di Masterchef Mexico, che da Città del Messico ha portato il “suo” mais azzurro, H 303 Zahie, cuore di un piatto intenso che ha fatto viaggiare il palato dei presenti. La Chef ha sottolineato quanto la cucina sia un luogo di divertimento e di collaborazione, la fonte di un’energia immensa.

Un’energia solidale e contagiosa! 

Nel corso della serata infatti sono stati donati al Teatro Patologico più di 10.000 euro, di cui parte attraverso un’asta esilarante con Jimmi Ghione e Sebastiano Somma, rappresentanti degli attori e amici che da sempre sostengono Dario e il suo lavoro. Grazie al loro divertente intervento sono state battute due opere della pittrice Cinzia Bevilacqua, una fotografia di Alessandro Montanari e alcuni disegni dei ragazzi del Teatro per un ricavato di oltre 4.000 euro. 

Cala così il sipario su una fantastica stagione, che in cinque eventi di altissimo livello è riuscita a raccogliere e donare più di 80 mila euro, anche grazie alla generosità di partner affezionati alla cordata solidale di Chefs for Life e che nel corso del tempo sono diventati veri e propri compagni di viaggio: Promotica, Vedrai, Nemox, Portofino Gin, Lafayette, Siggi, Antica Tostatura Triestina, Pozzi Milano, Zwilling Group, Cameo, Pavoni, Longino & Cardenal.

“Si chiude la stagione di Chefs for Life, ma sono già in corso i preparativi per la prossima,” – questo lo spoiler di Diego Toscani, CEO di Promotica e ideatore di Chefs For Life, che anticipa che “possiamo già dire che saremo alla Reggia di Caserta, a Padova, a Belgrado, poi torneremo sicuramente a “casa”, a Brescia, dove tutto questo ha avuto inizio. Forse ci sarà anche una prima meneghina con ospiti eccezionali…” Insomma, ne vedrete (e assaggerete!) delle belle. Seguiteli sui canali social per essere sempre aggiornati: IG chefsforlife_official, FB Chefs for Life, Linkedin Chefs for life.

Chefs for Life,  la cordata solidale di  Chef e Pastry Chef stellari (e stellati)!

Nati quasi per gioco a Brescia nel 2019 da un’idea di Diego Toscani e Ljubica Komlenic, questa squadra della solidarietà  ha mosso i primi passi proprio nella nostra città e non si è più fermata! Tante le trasferte sia in Italia (Bergamo, Portogruaro, Bologna, Firenze, Roma, ..) che all’estero (Serbia, Croazia, Hong Kong),  con più di un centinaio di Chef e Pastry Chef coinvolti nella realizzazione di serate di gala e/o street food di altissimo profilo culinario. L’obiettivo è solidale: raccogliere fondi per le associazioni partner, diverse tutte le volte, che fanno arrivare la loro richiesta di aiuto a Chefs for Life! E negli anni la cordata ha aiutato davvero tanto. A Brescia ha supportato la Zebra Onlus per l’acquisto di macchinari di diagnostica per l’ospedale Pediatrico degli Spedali Civili di Brescia, il Centro per l’integrazione scolastica dei non vedenti di Brescia e la Scuola Diocesana di Musica Santa Cecilia, con borse di studio per alunni con difficoltà economiche. Se andiamo più lontano, ha sostenuto due istituti scolastici in Serbia e Croazia, un orfanotrofio ad Hong Kong e un centro diurno per bambini e ragazzi disabili a Belgrado. Ma Chefs for Life si è messa a disposizione anche di Emergency nell’emergenza afghana dell’estate 2021, della Fondazione Bocelli per la crisi di Haiti, della Croce Rossa di Bergamo e Hinterland per l’acquisto di attrezzature, e di altre associazioni più piccole, eroiche, che danno una casa ai padri separati in difficoltà, sostengono l’integrazione sociale e lavorativa dei disabili, supportano i pazienti oncologici (AIL) e la ricerca per il tumore al cervello (Fondazione Giovanni Celeghin Onlus) e per le malattie dell’infanzia (Fondazione Meyer), provvedono ai bisogni di bambini e adolescenti affetti da diabete di tipo 1 (SOStegno70), con l’obiettivo di fargli vivere una vita normale e piena. Solidarietà a 360° insomma. Questi eventi non solo coniugano ad una cucina di altissimo livello momenti di intrattenimento con artisti e ospiti eccellenti, che rendono ogni serata unica e irripetibile, ma offrono un’esperienza di solidarietà immersiva, viva ed emozionante.  

www.chefsfor.life

Total
0
Shares
Previous Article

CICLICI Moti d’animo

Next Article

MASSIMO IMPARATO il potere dell’essere

Related Posts
Processing...
Thank you! Your subscription has been confirmed. You'll hear from us soon.
ErrorHere